Federazione Italiana Giuoco Calcio

Lega Nazionale Dilettanti

 

COMITATO REGIONALE CAMPANIA  

 

TEL. (081) 5537216 – 282218 – 207803 – 288188 – 288189 – 288190

 FAX (081)  5544470 - 282234

TELEX  710219 LEG NA I

Sito Internet:: www.fìgc-campania.it

 e-mail: info@figc.campania.it

Stagione Sportiva 2001/2002

Comunicato Ufficiale n. 15/16 dell' 1-13/9/2001

Comunicato Ufficiale n. 15

REGOLAMENTO DI GIUOCO CALCIO A CINQUE

 

 

VECCHIO TESTO

 

REGOLA 3

 

Decisioni F.I.G.C.

 

1) Una gara non può essere iniziata o proseguita nel caso in cui una squadra si trovi ad avere meno di 3 giocatori partecipanti al giuoco.

2) ADEMPIMENTI PRELIMINARI ALLA GARA E IDENTIFICAZIONE DEI CALCIATORI

Prima dell'inizio di ogni gara il Dirigente accompagnatore     ufficiale     deve presentare all'arbitro gli elenchi dei calciatori partecipanti con i relativi documenti di identità e le tessere federali ove previste. Le distinte delle squadre   dovranno   necessariamente indicare un capitano ed un vice capitano.

 

3) PORTIERE      

               

II portiere può scambiare il proprio ruolo con   qualsiasi   altro  calciatore,   a condizione che uno dei due arbitri ne sia preventivamente informato e che lo scambio dei ruoli avvenga a giuoco fermo. Se sostituito deve indossare una maglia di colore diverso.

 

 

VECCHIO TESTO

 

REGOLA 3

 

Decisioni F.I.G.C.

 

1) Una gara non può essere iniziata o proseguita nel caso in cui una squadra si trovi ad avere meno di 3 giocatori partecipanti al giuoco.

2) ADEMPIMENTI PRELIMINARI ALLA GARA E IDENTIFICAZIONE DEI CALCIATORI

Prima dell'inizio di ogni gara il Dirigente accompagnatore     ufficiale     deve presentare all'arbitro gli elenchi dei calciatori partecipanti con i relativi documenti di identità e le tessere federali ove previste. Le distinte delle squadre   dovranno   necessariamente indicare un capitano ed un vice capitano.

 

3) PORTIERE      

               

II portiere può scambiare il proprio ruolo con   qualsiasi   altro  calciatore,   a condizione che uno dei due arbitri ne sia preventivamente informato e che lo scambio dei ruoli avvenga a giuoco fermo. Se sostituito deve indossare una maglia di colore diverso.

 

VECCHIO TESTO

 

REGOLA 4

 

Decisioni della F.I.G.C.

 

1) I calciatori devono indossare maglie numerate dal numero 1 al numero 12. Il portiere titolare indosserà la maglia numero 1.

 

Nel caso di sostituzione del portiere lo stesso deve indossare una maglia di colore diverso con esclusione di fratini, tute o quant'altro.

 

 

 

 

  

REGOLA 17

 

Rimessa dal fondo

 

La rimessa dal fondo è un modo di riprendere il giuoco.

Una rete non può essere segnata direttamente su rimessa dal fondo.

 

1) La rimessa dal fondo viene concessa

 

a) quando il pallone, toccato per ultimo da un calciatore della squadra attaccante, oltrepassa interamente la linea di porta, sia a terra che in aria, e non è stata segnata una rete come prescritto dalla Regola 11.

2) Procedura

La procedura è la seguente:

a) il portiere lancia il pallone con le mani da un punto qualsiasi dell'area di rigore;

b) i calciatori della squadra avversaria dovranno  rimanere  al  di fuori dell'area di rigore finché il pallone non è in giuoco;

 

NUOVO TESTO

 

REGOLA 4

 

Decisioni della F.I.G.C.

 

1) I calciatori devono indossare maglie numerate dal numero 1 al numero 12: II portiere titolare indosserà la maglia numero 1.

Nel caso di sostituzione del portiere lo stesso deve indossare una maglia di colore diverso con esclusione di fratini, tute o quant'altro; la maglia del giocatore che sostituisce il portiere potrà -èssere realizzata con un foro sul dorso di dimensioni tali da poter individuare il numero con cui è contrassegnato il giocatore.

 

 

 

 

 

 

 

REGOLA 17

 

Rimessa dal fondo

 

 

    Invariato.

 

  

   1) Invariato.

   

 

 

 

   2)  Invariato.

 

 

c) il portiere non dovrà giocare il pallone una seconda volta finché questo non sia stato toccato o giocato da un altro calciatore;

d) il pallone sarà in giuoco quando sarà uscito completamente fuori dall'area di rigore.

 

3) Infrazione e Sanzioni

a) se il pallone non viene lanciato direttamente fuori dall'area di rigore, viene ripetuta la rimessa dal fondo;

b) se, dopo che il pallone è in giuoco, il portiere tocca il pallone una seconda volta, prima che sia stato toccato o giocato da un altro calciatore, viene concesso un calcio di punizione diretto alla squadra avversaria dal punto in cui è stata commessa l'infrazione,  salvo  che ciò sia avvenuto nell'area di rigore, nel qual caso il calcio di punizione indiretto sarà battuto dalla linea dell'area di rigore, dal punto più vicino a quello in cui è stato commesso il fallo;

c) se il portiere, dopo aver rimesso in giuoco il pallone, lo riceve di ritorno da un compagno di squadra, lo tocca o lo controlla con le mani, alla squadra avversaria viene concesso un calcio di punizione indiretto dal punto dell'area di rigore più vicino a quello in cui è stata commessa l'infrazione;

d) se il pallone è giocato dopo 4 secondi, contati dal momento in cui il portiere entra in possesso del pallone, sarà accordato un calcio di punizione indiretto alla squadra avversaria che sarà battuto sulla linea dell'area di rigore nel punto più vicino a quello in cui l'infrazione è stata commessa.

 

 

 

PUBBLICATO IN ROMA IL 30 LUGLIO 2001

 

   

 

 

IL SEGRETARIO GENERALE

       dott. Guglielmo Petrosino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3) Infrazione e Sanzioni

a) Invariato.

 

b) invariato.

 

 

 

 

 

 

 

  

c) se il portiere, dopo aver rimesso in giuoco il pallone, lo riceve di ritorno da un compagno di squadra, alla squadra avversaria viene concesso un calcio di punizione indiretto dal punto della linea di rigore più vicino a quello in   cui   è   stata   commessa l'infrazione.

 

d) Invariato.

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

dott. Giovanni Petrucci

 

Contatore del 04/07/04